FANDOM


Riga 37: Riga 37:
 
==Note==
 
==Note==
 
<references/>
 
<references/>
[[Categoria:Laghi della Liguria]]
+
[[Categoria:Laghi della Liguria|Lame]]
[[Categoria:Laghi dell'Appennino Ligure]]
+
[[Categoria:Laghi dell'Appennino Ligure|Lame]]
[[Categoria:Laghi della Val d'Aveto]]
+
[[Categoria:Laghi della Val d'Aveto|Lame]]

Revisione delle 13:00, ott 14, 2011

Lago delle Lame
Dscn0867
Il Lago delle Lame nell'agosto 2006

Origine

glaciale

Altitudine

1048 m

Superficie

3580 mq

Profondità massima

8 m

Perimetro

180 m

Regione

Liguria

Provincia

Genova

Comune

Rezzoaglio

Si tratta di un laghetto di origine glaciale posto in un'incavata conca circondata dall'omonima foresta demaniale. È posto nell'alta Val d'Aveto (Appennino Ligure). Nei pressi del lago si trova l'omonimo albergo (tel. 0185/870036).

Il toponimo del lago significa vallecola[1], ed è diffuso solo nella Liguria orientale, nella zona del Monte Aiona (Lago delle Lame, Passo delle Lame, Foresta delle Lame) e nella zona di Carrodano (Costa Lama e Valle di Lama), ma non è escluso che possa derivare dal latino amnis, cioè rivo d'acqua.

Il lago è alimentato da un ruscelletto stagionale, da alcune sorgenti sublacustri e da un altro rivoletto perenne che sgorga qualche metro sopra. L'acqua viene scaricata probabilmente per via sotterranea, mentre un'incisione nella gobba che sbarra a valle il lago potrebbe corrispondere ad un emissario ora inattivo. Il laghetto è soggetto a variazioni di livello dalla primavera all'estate, ma trascurabili.

Vista la situazione in cui si trova il lago, sono praticamente assenti fenomeni di trasporto di sedimenti, perciò il lago è preservato dall'interramento, e ha assicurata una lunga “giovinezza”. Vista l'alta pendenza dei versanti del lago (la cui massima profondità è di circa 8 metri) è assente la vegetazione palustre.

A testimoniare l'origine glaciale del lago c'è anche, lungo la sponda sud-est, una piccola morena formata da grandi blocchi di roccia diabasica, trasportati fino a qui dal piccolo ghiacciaio che, in epoca Würmiana, scendeva dalla zona del Monte degli Abeti e che formò tutte le conche che adesso sono laghi sul versante dei monti Aiona e degli Abeti.

Poco sopra il lago, lungo il percorso PNO, si trova un'altra morena, più grossa con cartello indicatore e pannello esplicativo.

Nel lago sono state immesse delle trote e si può praticare la pesca, con il permesso dell'albergo.

Vie d'accesso

Da Chiavari, Genova o Piacenza si raggiunge Rezzoaglio, da cui si sale a Magnasco. Poco dopo Magnasco si incontra un bivio; si sale a destra sulla tortuosa stradina che raggiunge il Lago delle Lame.

Note

  1. G. Ferro, Toponomastica ligure, Bozzi, Genova 1979
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.